Mare Fuori: Anticipazioni terza puntata 7 ottobre

Mare Fuori terza puntata: anticipazioni trame 7 ottobre 2020

Di seguito trovate le trame della terza puntata di “Mare Fuori“ che andranno in onda mercoledì 7 ottobre su Rai 2.

1×05 La vendetta per guarire

Gemma, una ragazza di Rimini, subisce abitualmente violenza dal fidanzato, ma quando la sorella diventa lei stessa una vittima per difenderla, a Gemma la vendetta sembra l’unico modo per guarire da quell’amore malato. La vendetta è anche quella che medita Filippo, che non si rassegna ai soprusi a cui lo sottopone Pino. Ora ha un’arma e ha tutte le intenzioni di usarla in sua difesa. Carmine, invece, è rinato dopo la notizia che presto diventerà padre. Non può perdere la speranza perché ha un motivo per cui lottare. Su Carmine però pende ancora la minaccia di una vendetta dei Valletta. La direttrice nel frattempo viene informata della sparizione della lametta rubata da Filippo e sospende sia i permessi che le attività ricreative. Questo alimenta la rabbia tra i detenuti che pensano sia Carmine il responsabile. Carmine incassa le botte e non tradisce il suo amico Filippo.

1×06 L’appartenenza

Edoardo esce per un permesso. Filippo consegna la lametta alla direttrice, ma Paola non riesce a fargli rivelare da chi voleva difendersi. Ciro apprende che a rubare la lametta è stato Filippo. Pino gli vuole dare una lezione, ma Ciro sembra avere altro in mente per il Chiattillo. Pino si ingelosisce per le attenzioni di Ciro nei confronti di Filippo e la cosa lo allarma. Filippo abbocca all’amo lanciato da Ciro e accetta la sua protezione. Carmine lo mette in guardia: l’amicizia che Ciro gli sta offrendo si chiama “appartenenza” al “sistema”: si è in debito per ogni favore ricevuto. Carmine ha ragione e infatti Ciro chiede a Filippo una prova di coraggio per ottenerne la protezione. Gemma entra nel femminile e Viola inizia a circuirla con la sua arte manipolatoria. D’altronde cosa c’è di meglio per una vittima come Gemma che un carnefice spietato come Viola?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *