Intro (La mia storia), Peppe Soks: testo brano

Testo di Intro (La mia storia), Peppe Soks

Intro (La mia storia) è un singolo di Peppe Soks contenuto nell’album Stella del Sud.

Di seguito trovate il testo del singolo:

testo

E porto ‘ncuollo chillu juorno ‘e quando so’ nato je
Crisciuto ampresso ‘int’a na casa d”a periferia
Papà fatica, steva sempe ‘nzieme a mamma mia
E mo ca stongo ‘e casa ‘a sulo sento ‘a nostalgia
Passeno ll’anne, nasce Marco ‘int”o 2007
Je tenevo diec’anne e tenevo ‘a capa ‘int”o rap
E me diceveno: “Fatica, ca puorte ‘o nomme d”o nonno”
Je sunnavo ‘e fa’ chella valigia e nun fa’ cchiù ritorno
Però po’ si ‘mmiezz”a via, sì, fra’, aggio fatto ‘e guaje
Sempe ‘e notte ch”e cappucce, ma tu che ne saje

Vulevo ‘o motorino, papà nun me l’ha accattato
M’aggio pigliato da sulo, ma nu guardio m’ha fermato
E ‘doppo p”a capa ‘int”a musica c”a pozzo fa’
E c”o freestyle ‘a piccolino accumminciaje a cantà
Duje cumpagne ‘ncopp”o mezzo, ‘a capa ‘a n’ata parte
Cu nu cappiello sempe ‘ncapa e ‘a gente ancora parla
Mille trene e sacrifice e po’ simmo partute
Alessandro ha realizzato ‘e suonne ê duje creature
Mauro ha fatto na rapina pe’ ce pagà ‘o studio
Pure se nun ce sta cchiù, brindammo p”a salute
Nun avanzo niente, pensavo ca era nu juoco
Chillo ca sfutteva mo addummanna ‘e foto
Chello c’aggia passato, fra’, ‘o ssape sulo ‘o psicologo
E mo cuntamme ‘e sorde ‘ncopp’a ‘stu divano comodo
‘E penziere erano assaje, vulevo vencere surtanto
Me pensavo ‘e vencere pure ô juoco d’azzardo
E dint”e machinette c’aggia jittato pure ‘a gioia
Quanno pierde ce staje male, quanno vince ne vuò ancora
E tu ca parle ‘e Peppe, dice che è figlio ‘e famiglia
Nun sta dint”e popolare, sta ‘e casa ‘int’a chella villa

So’ crisciuto ‘mmiezz”e strade assieme a ‘sti figlie ‘e puttana
E si teneve ‘e sorde ‘ncuollo, po’ tutte assieme se magnava
Aggia perzo ‘e cumpagne, ‘e sorde accideno l’ammore
E te ringrazio pecché forse m’hê reso migliore
Sto cumbattenno ch”e fantasme d”o passato
‘A vita è comm’’o mare: nuote, fra’, o muore affugato
Mo girammo l’Italia, sì, sempe p”a stessa squadra
Vuttammo chisti sorde ‘nfaccia a chi parlava male
E mo sto ‘nzieme a te pecché sî l’unica che m’ama
Pecché saje ca primma d”o successo ccà ce steva ‘a famme
Nun teneveme niente, quatte cumpagne ô bar
Mo ne simmo ‘e meno, però nun me ‘mporta, no
Lascia scorre ‘a base, ‘a storia mia adda continuà
E chello che succede po’ nu juorno t”o racconto

Ma nu juorno t”o racconto
Ma nu juorno t”o racconto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *