Calamity, Zayn: traduzione e testo

Zayn, Calamity: traduzione e testo

Calamity è una canzone di Zayn contenuta nell’album Nobody Is Listening.

Di seguito trovate il testo e la traduzione della canzone:

testo

Nostalgia
What a funny feeling
I feel depleted
From feelings I’ve been revealing
It’s do-or-die, I’m not going willing
But when it’s time, wrap in white linen
I rap this
I say it for my sanity
Whatever the calamity I did this for myself
Fuck all of your fantasies
You’re a snake, fell off the ladder
I prefer speaking in analogies
I’ve had enough of all this wet
And I can’t trust that you’re my family
I don’t know what’s next
The brain-dead that I never miss
My brain lives with the cannabis
Can I resist the dark abyss?
Leave a mark on this with no start, just exist
My mind’s in a prism shape
And in times like prison state
There’s no right that I feel of late
There’s no light if my view’s at stake
And which left should I choose to take
What’s left, is it room or space?
There are rumors we have to face
I prefer sooner than after late
I seen actors after BAFTAs be more straight
I mean down the barrel
I hear them sing, it’s the same carol
They’re trying to sprint in a long run Mo Farah

They’re trying to fix when it’s long gone, don’t bother
There’s no other, the thought shudders
Through most lovers
I wanna bed you, but still sleep is Death’s cousin
So two weeks is now four dozen
Years that pass by, can’t press no rewind
Just watch my life by and lock the right ties

Nobody, nobody is listening to me
Nobody, nobody is listening
Nobody, nobody is listening to me
Nobody, nobody is listening to me

traduzione

Nostalgia
Che sensazione divertente
Mi sento esaurito
Dai sentimenti che ho rivelato
È fare o morire, non ci vado
Ma quando è il momento, avvolgiti nel lino bianco
Lo rappo
Lo dico per la mia sanità mentale
Qualunque sia la calamità, l’ho fatto per me stesso
Fanculo a tutte le tue fantasie
Sei un serpente, caduto dalla scala
Preferisco parlare per analogie
Ne ho abbastanza di tutto questo bagnato
E non posso fidarmi che tu sia la mia famiglia
Non so cosa succederà
I morti cerebrali che non mi mancano mai
Il mio cervello vive con la cannabis
Posso resistere all’oscuro abisso?
Lascia un segno su questo senza inizio, esisti e basta
La mia mente è a forma di prisma
E in tempi come lo stato carcerario
Non c’è alcun diritto che mi senta negli ultimi tempi
Non c’è luce se è in gioco la mia vista
E quale sinistra dovrei scegliere di prendere
Cosa resta, è stanza o spazio?
Ci sono voci che dobbiamo affrontare
Preferisco prima che dopo tardi
Ho visto attori dopo i BAFTA essere più diretti
Voglio dire in fondo alla canna
Li sento cantare, è lo stesso canto natalizio
Stanno cercando di fare uno sprint in un lungo periodo Mo Farah

Stanno cercando di aggiustare quando è passato da tempo, non preoccuparti
Non c’è altro, il pensiero rabbrividisce
Attraverso la maggior parte degli amanti
Voglio portarti a letto, ma il sonno è ancora il cugino della Morte
Quindi due settimane adesso sono quattro dozzine
Gli anni che passano, non possono premere nessun riavvolgimento
Guarda la mia vita e chiudi i legami giusti

Nessuno, nessuno mi sta ascoltando
Nessuno, nessuno sta ascoltando
Nessuno, nessuno mi sta ascoltando
Nessuno, nessuno mi sta ascoltando

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *