Sulla Barca Dell’Oligarca, Checco Zalone: testo canzone

Checco Zalone – Sulla Barca Dell’Oligarca: testo singolo

Sulla Barca Dell’Oligarca è un singolo di Checco Zalone.

di seguito trovate il testo del singolo:

testo

Io Di Ciolla Nicola
già guardia portuale
faccio attualmende l’eroe nazionale
da quando che al porto arrivò sequestrato
il mega yotto di un russo magnato
che ci passava ogni notte tra vodka e caviale e donne non male
fu proprio lì che pensai patriotticamende
immolo a mio figlio per l’occidente
Di Ciolla Vincenzo la tua comunione
sarà per i russi la granda sanzione, poi dissi a mia moglia
Boccuzzi Camilla chiami la sala e disdilla

Sulla barca dell’oligarca
com’è bello coi parenti a festeggiar
sulla barca dell’oligarca
pacifismo, comunione e libertà

Dopo la torna, la grappa e il dolcetto
dico ai parenti
meh facciamo un giretto?
si va a Gallipoli, a Monopoli o invece?
un apericena alle isole grece?
ma fecesi largo l’anziana zia Nora
portatemi a Medjugora

Sulla barca dell’oligarca
com’è bello coi parenti a festeggiar
sulla barca dell’oligarca
pacifismo, comunione e libertà

Ma a rovinare la splendida festa
tutto ad un tratto lo yotto si arresta
vedo mio figlio dal pianto straziato
e dico la colpa, a papà, è del magnato
com’è chia palazzi, jacuzzi e strafighe
c’hai le squadre nelle champion league
c’hai sta smania che vuoi l’ucraina
e kitemurt non metti la benzina

Sulla barca dell’oligarca
rimanemmo quella notte in mezzo al mar
sulla barca dell’oligarca
non prendevano nemmango i cellular

Sulla barca dell’oligarca
com’è bello coi parenti a festeggiar
sulla barca dell’oligarca
pacifismo, comunione e libertà

Dopo la torna, la grappa e il dolcetto
dico ai parenti
meh facciamo un giretto?
si va a Gallipoli, a Monopoli o invece?
un apericena alle isole grece?
ma fecesi largo l’anziana zia Nora
portatemi a Medjugora

Sulla barca dell’oligarca
com’è bello coi parenti a festeggiar
sulla barca dell’oligarca
pacifismo, comunione e libertà

Ma a rovinare la splendida festa
tutto ad un tratto lo yotto si arresta
vedo mio figlio dal pianto straziato
e dico la colpa, a papà, è del magnato
com’è chia palazzi, jacuzzi e strafighe
c’hai le squadre nelle champion league
c’hai sta smania che vuoi l’ucraina
e kitemurt non metti la benzina

Sulla barca dell’oligarca
rimanemmo quella notte in mezzo al mar
sulla barca dell’oligarca
non prendevano nemmango i cellular

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *