Dj Gengis, Carl Brave & Gemello, Un’altra brasca: testo brano

Un’altra brasca – Dj Gengis, Carl Brave, Gemello: testo brano

Un’altra brasca è una canzone di Dj Gengis, Carl Brave, Gemello.

Di seguito trovate il testo della canzone:

testo

Cerco il cellulare e ce l’ho in tasca
Becco un’altra pazza, faccio il salto della quaglia (hop!)
Trenitalia che deraglia
Lei dice: “che scesa”, poi va in bagno che s’accende un’altra paglia-ahi-ahi-ahi
Quando ti vedo, tutto è ok, il mondo è peso, ehi
Amazon arriva rotto, chiedo il reso, ehi
Vuoi corone, schei, lire, euro, pesos, ehi

E te
Quando esci quel body
Sì, te
Stasera mi ci trovi

Quando ti becco è come se pijo l’ayahuasca
Io per te so’ stato solo un’altra brasca
Un ventino che casca e non trovi più
Come la linea sottile tra Louvre e Lourdes
Se c’hai freddo ti metto le mani in tasca
Siamo l’acqua che trasborda dalla vasca
Sei un boccone che non riesco a mandà giù
Come un’unghia soffocata dalla manicure

Cuore trafitto, Belle & Sebastian
Non piangi più acqua: pianta grassa
L’arcobaleno adesso è bianco e nero
Ma dimmi perché
Scoli una birra doppio malto random
Mangi le mani se mi stai pensando
Esplodiamo come due Big Babol
Costellazioni, sì, scuola di Nanto

E questa luna ti splende negli occhi
Siamo la luce che brilla le notti
Un’altra brasca sui nostri ricordi (ricordi)

Quando ti becco è come se pijo l’ayahuasca
Io per te so’ stato solo un’altra brasca
Un ventino che casca e non trovi più
Come la linea sottile tra Louvre e Lourdes
Se c’hai freddo ti metto le mani in tasca
Siamo l’acqua che trasborda dalla vasca
Sei un boccone che non riesco a mandà giù
Come un’unghia soffocata dalla manicure

Vedo le tue storie e tutti i giorni vai a dormire alle 3
Stai sempre ‘mbriaca a fa’ quel pezzo che fa Asereje (Asereje, ah)
Non mi parli più da quando il tuo amico ha preso la ketch, morte
Mi metto gli occhiali che la nostra storia è da rivede’, con te

Quando ti becco è come se pijo l’ayahuasca
Io per te so’ stato solo un’altra brasca
Un ventino che casca e non trovi più
Come la linea sottile tra Louvre e Lourdes
Se c’hai freddo ti metto le mani in tasca
Siamo l’acqua che trasborda dalla vasca
Sei un boccone che non riesco a mandà giù
Come un’unghia soffocata dalla manicure

E questa luna ti splende negli occhi
Siamo la luce che brilla le notti
Un’altra brasca sui nostri ricordi, ricordi, ricordi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *