Bestia Rara, Zen Circus: testo brano

Testo di Bestia Rara, Zen Circus

Bestia Rara è una canzone degli The Zen Circus contenuta nell’album L’Ultima Casa Accogliente.

Di seguito trovate il testo della canzone:

testo

Il tuo nome non fa rima
Con niente, con nessuno
I capelli come china
Le palpebre un sipario
Sciogli i nodi delle vene
Come pettine una lama
E una pietra in petto
Che la gravità reclama
Felicità ostentata rende tutto più sereno
Mentre la gente ti guarda

Dentro al tuo ultimo treno
L’estate, l’inverno della neve
Ti obbliga a stare bene
La notte, l’aborto, la birra, l’aurora
La roba, lе stelle, le Camеl, la scuola
Il sudore, la pelle, il cazzo
E allora?
La voglia che avevi ancora
Il corpo che muta
La sabbia che brucia
I baci bagnati
Gli abbracci negati
Le storie, i racconti di vecchi balordi
La vita che vorresti ancora

Sei una bestia rara ma non lo sai
Una puttana come dite voi
Tua madre piange e ancora piangerà
Ma non preoccuparti, abbracciala
Da dove arriva? E chi lo sa

Il dottore dice che c’era già
Nella tua testa, nelle tue idee
Dentro al tuo giardino, fra le orchidee
La vita grida contro di te
E nel paese si dice che
Sei nata male, nata senza Dio
Il sangue fra le gambe lo vedo io
Il ciclo torna, ritorni tu
Sorridi ancora piccola Gesù
Una brava mamma si gode la vita
Ma che brava moglie, che bella fica

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *