È sempre Mezzogiorno, 7 giugno: ricetta mega bruschettone di Buzzi

È sempre Mezzogiorno oggi: mega bruschettone di Simone Buzzi

Nella puntata di oggi di È sempre Mezzogiorno il cuoco Simone Buzzi ha preparato il mega bruschettone. Ecco gli ingredienti per il piatto: 15 fette di pancetta, 5 pomodori a grappolo, 2 mozzarelle fior di latte, 2 salsicce, un uovo, un filone di pane casereccio, 500 g di macinato di manzo, 500 g di cicoria lessata, 300 g di ricotta vaccina, 200 ml di latte, 60 g di formaggio grattugiato, un mazzetto di erba cipollina, uno spicchio d’aglio, un peperoncino, una cipolla di Tropea, un mazzetto di basilico, mezzo bicchiere di vino bianco, olio extravergine di oliva, sale e pepe. Passiamo ora al procedimento della ricetta. Tagliare la parte superiore del filone di pane, eliminare la mollica e metterla a bagno nel latte. Condire il filone con ricotta, olio, sale e pepe. Scaldare il filone in forno per 10 minuti a 180°. Mettere in una ciotola la carne macinata, aggiungere l’uovo, il formaggio grattugiato, l’erba cipollina e la mollica di pane strizzata dal latte. Mescolare tutti gli ingredienti e formare delle polpette schiacciate. Far rosolare le polpette in padella con l’olio, dopo qualche istante sfumare con il vino e lasciar cuocere per 20 minuti circa. Sgranare le salsicce, trasferirle in padella con un filo d’olio, lo spicchio d’aglio e il peperoncino, aggiungere la cicoria già lessata e ripassarla per qualche minuto. Cuocere la pancetta in padella fino a farla risultare croccante. Tagliare i pomodori a cubetti, la cipolla ad anelli, trasferire il tutto in una ciotola e condire con olio, sale, pepe e qualche fogliolina di basilico. Farcire il bruschettone adagiando sul fondo i pomodori e la cipolla, continuare con la cicoria ripassata e la salsiccia ed infine le polpette. Ricoprire il bruschettone con le fette di pancetta e terminare con le fettine di mozzarella. Cuocere il bruschettone in forno per qualche minuto, fino ad avere una mozzarella sciolta e filante.

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *