Anno Zero – Dani Faiv: testo brano

Dani Faiv – Anno Zero: testo singolo

Di seguito trovate il testo del singolo:

testo

[Strofa 1]
Nessuno parla, tipo imbavagliato
Prendo la pala, scavo nel passato
Un anno degno della trama di un b-movie, si così pieno di merda che bastavano due minuti
Sono uscito prima per non fare danni come dalle gambe sue
Come l’UK dall’UE
Sembrava di andare forte tipo a razzo su una buel
Ma siamo rimasti fermi il cargo a Suez
Intanto andiamo avanti, perdiamo sempre i grandi
Kobe e Diego se ne vanno noi preghiamo i santi
Dopo solo male, covo di ansia sale
Non è simulare, leggo sul giornale: “Nuovo virus, allert”
Poi rifanno il ponte a Genova
Uno come me cеrte cose non le dimеntica
Con la sensazione di certezza che si sgretola
Che tanto poi chi paga non è mai chi se lo merita
Il primo caso, a casa chiusi, caso chiuso
Vivi e paghi troppi abusi, pochi aiuti
Si lo Stato è un bravo mago perché illude
Fa sparire sotto al naso ciò che annusi

[Ritornello]
Grazie al 2020
E le sue 2020
E non c’è più solo pioggia dentro
Sarai quello che non se n’è mai andato
Chissà cosa diranno di te i libri
Una canzone qua non cambierà il mondo
Il sangue si ferma, fai scorrere l’inchiostro

[Strofa 2]
Sorrisi di plastica, stanno stappando un Moet
Torna anche la svastica insieme alle altre mode
Oggi chi ci salverà non sarà un altro Noè
Tutti con la maschera e nessun supereroe
Mi distruggi il video di Floyd, non respiro
Qua, mi sembra davvero di stare in Black Mirror
Fra’, il piede di porco e il ginocchio dello sbirro
Ma, l’argomento è caldo come possono coprirlo?
Mi dicono: “Ehi tu, ora quanto sei giù?”
Che tra poco esplode tutto e mi sento a Beirut
Il mio nome è sul Death Note, ma non sei Ryuk
Quando lotti sulla terra non hai dei su

Ora siamo censurati nei pensieri
Come puoi insegnare oggi se hai gli incubi di ieri
Non ci siamo presi niente, ci hanno preso in giro
Cambia il presidente, non cambia lo squilibrio, no

[Ritornello]
Grazie al 2020
E le sue 2020
E non c’è più solo pioggia dentro
Sarai quello che non se n’è mai andato
Chissà cosa diranno di te i libri
Una canzone qua non cambierà il mondo
Il sangue si ferma, fai scorrere l’inchiostro

L’anno zero, per tutti
E ci siamo ancora dentro
Somiglia a un taglio con la carta
Profondo e lo senti dopo
Se esci regala un motivo per ripartire
A chiunque incontri la fuori
Intanto preghiamo
Anno zero, venti venti, ah
E dei suoi 2020

[Ritornello]
Grazie al 2020
E le sue 2020
E non c’è più solo pioggia dentro
Sarai quello che non se n’è mai andato
Chissà cosa diranno di te i libri
Una canzone qua non cambierà il mondo
Il sangue si ferma, fai scorrere l’inchiostro

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *