Miss Americana: recensione del documentario di Taylor Swift su Netflix

Taylor Swift su Netflix: recensione del documentario Miss Americana

Lo scorso venerdì 31 gennaio la cantautrice statunitense Taylor Swift ha rilasciato sulla piattaforma di streaming online Netflix il suo nuovo documentario Miss Americana, che riprende la sua carriera dagli inizi, ma si focalizza per lo più sugli ultimi anni della sua vita, con la sua scomparsa dai social e dalle scene mondane e il cambiamento del suo atteggiamento e modo di fare pubblico.

In questo documentario la Swift mostra alcune sene private della sua famiglia e dei suoi amici, con alcuni crolli emotivi, e scene della sua carriera sin da quando aveva 12 anni e si esibiva nei locali, fino ad arrivare a riempire stadi e palazzetti. Per chi la segue da tempo, molti dei temi trattati non sono per nulla nuovi, ma sono già stati presentati in altri show come Journey to Fearless, lo Speak Now World Tour e lo stesso Reputation tour mostrato lo scorso anno sempre su Netflix, ma altri sono totalmente nuovi e sono adatti comunque anche a chi non la conosce o non l’ha mai seguita particolarmente.

Per la prima volta Taylor parla delle sue idee politiche e di quanto sia importante per lei condividerle con il mondo, dato il suo grande potere sui social, parla quindi di femminismo e anche dei disturbi alimentari e dell’umore avuti fino a qualche anno prima, data la sua enorme esposizione mediatica. Ogni foto che la faceva sembrare “grassa” (o almeno in cui lei pensava di sembrare grassa), la portava a mangiare molto poco.

Sicuramente i fan della cantante avranno apprezzato sicuramente a priori questo documentario, ma il lavoro della Swift può essere importante anche per chi non l’ha mai seguita più di tanto, proprio per i temi trattati e per il fatto che ci fa capire che, specialmente nel mondo dello spettacolo, niente e come sembra, o, comunque, per ricordarci che anche le star sono degli esseri umani sensibili e che risentono dei commenti fatti sul loro comportamento e sul loro aspetto fisico.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *