" " " "

Tenosinovite di De Quervain: cos’è, sintomi, diagnosi e trattamento

Tenosinovite di De Quervain e Fisioterapia: il trattamento fisioterapico

La Tenosinovite di De Quervain è una patologia che colpisce prevalentemente i tendini provvisti di guaine sinoviali, che per quanto riguarda la mano sono i tendini dell’abduttore lungo del pollice e dell’estensore breve del pollice. In questo caso, vengono a determinarsi processi degenerativi ed infiammatori a carico di queste strutture.

A essere colpiti maggiormente sono gli sportivi che fanno movimenti ripetitivi delle mani, come i tennisti o i sollevatori di pesi, ma anche i pallavolisti per i ripetuti traumi nella zona della mano inferiore al pollice. Non sono esenti i musicisti o chi usa il mouse.

Il sintomo principale è il dolore, localizzato nella zona che viene comunemente denominata Tabacchiera anatomica, in cui è possibile riscontrare anche una tumefazione e un ispessimento del tendine, con dolore alla palpazione.

La diagnosi è prevalentemente clinica, con un esame obiettivo da parte di uno specialista, al quale segue il Test di Finkelstein, in cui viene chiesto al paziente di chiudere a pungo la mano, con le altre 4 dita intorno al pollice, e di inclinare il polso dal lato del mignolo (verso l’ulna). Per escludere altre patologie simili, possono essere richieste anche un’ecografia, una RMN e una radiografia.
Prima di arrivare a un trattamento chirurgico, è sempre bene effettuare un trattamento fisioterapico conservativo volto a eliminare il dolore e l’infiammazione. In una prima fase, è importante l’uso di un tutore specifico o di un bendaggio funzionale per tutta la giornata, per poi passare a utilizzarlo solamente di notte. Dal punto di vista della terapia fisica strumentale, fondamentale si è rivelato il laser ad alta potenza (Laser Yag), ma anche gli ultrasuoni e la tecarterapia possono essere validi strumenti. Dal punto di vista manuale vengono utilizzate metodiche di mobilizzazione della zona intorno al tendine e per la riduzione dell’edema, che non si forma in tutti i casi. Un coadiuvante della terapia può essere l’applicazione del kinesio taping.

Per consulenze o sedute di fisioterapia, potete mettervi in contatto con la nostra fisioterapista (dottoressa Ilaria) al nostro indirizzo email: info@ravengami.it.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *